Turin School of Development, anno accademico 2017

06/03/2017
Condividi
Stampa
Invia

L'inaugurazione del nuovo Anno Accademico 2017 della Turin School of Development

Lunedì 6 marzo nel campus dell'ITCILO si è tenuta la cerimonia d'inaugurazione del nuovo anno accademico della Turin School of Development, il programma del Centro Internazionale di formazione dell'ILO Che riunisce i master organizzati con l'Università di Torino e il Politecnico, sostenuti dalla Compagnia di San Paolo.

Perl l'occasione sono intervenuti l'ambasciatore Maurizio enrico Serra, Capo rappresentanza della Rappresentanza permanente presso le Organizzazioni Internazionali dell’ONU a Ginevra, il consigliere Benedetto Giuntini, della Direzione Generale per gli italiani all’Estero e le Politiche Migratorie, Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale,il professor Francesco Profumo, Presidente della Compagnia di San Paolo e il Rettore dell’Università di Torino, Professor Gianmaria Ajani.

A partire dal 1991, con la prima edizione del Master in International Trade Law, la Turin School of Development ha progressivamente ampliato la sua attività, grazie alla collaborazione con le Agenzie delle Nazioni Unite e con le università, arrivando a offrire dieci master, di cui otto in lingua inglese, uno in spagnolo e uno in francese, e coinvolgendo oltre 250 studenti all'anno in materie come commercio internazionale, gestione dello sviluppo, proprietà intellettuale, progetti culturali, patrimonio mondiale, gestione degli appalti pubblici, economia del lavoro, relazioni industriali e salute e sicurezza sul posto di lavoro. 

“La TSD è inserita a pieno titolo nei programmi di formazione del Centro. Ogni Master è per l’ITCILO un’occasione per incrementare le proprie funzionalità come centro di formazione globale.” – ha dichiarato Giuseppe Casale, direttore della TSD e direttore aggiunto dell’ITCILO – “La vocazione didattica della TSD è basata sui principi e sui valori dell’ILO e delle Nazioni Unite, ed è volta a diffondere competenze globali tra le nuove generazioni. La promozione dell’Agenda 2030 sullo Sviluppo Sostenibile, diventa così un punto centrale dell’attività di formazione della Scuola, che in particolare, focalizza la propria attenzione sull’obiettivo n.8 (“…una crescita sostenuta, inclusiva e sostenibile, un impiego pieno e produttivo e lavoro decente per tutti”).”

Interventi principali - Polo Onu