BEAUMONT E LA SCUOLA DEL DISEGNO, Pittori e scultori in Piemonte alla metà del Settecento

Condividi
Stampa
Invia

Il quaderno di studi, realizzato con la collaborazione dell’Associazione Guarino Guarini e pubblicato grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, intende divulgare le ricerche coordinate dal prof. Giuseppe Dardanello con gli studenti dei corsi di laurea in Beni Culturali e in Storia dell’Arte e i dottorandi in Storia del Patrimonio Archeologico e Artistico dell’Università degli Studi di Torino. La pubblicazione mira a indagare le ragioni culturali della nascita di una scuola torinese di pittura e scultura promossa da Carlo Emanuele III e sostenuta dalle esperienze accademiche di un gruppo di artisti formatisi attorno alla figura di Claudio Francesco Beaumont.
Partendo dai risultati della ricerca, che restituisce la vicenda di una produzione artistica di altissima qualità che si diffuse a livello regionale, la Compagnia ha emanato nel 2011 il bando Beaumont e la Scuola del Disegno, che attribuisce alle iniziative di restauro il ruolo di parte essenziale del percorso di ricerca e che auspica che le stesse creino le condizioni necessarie a favorire lo sviluppo di iniziative di valorizzazione. L’obiettivo è infatti di avviare un rapporto costruttivo e virtuoso tra l’attività didattica e di ricerca in Università e gli interventi di restauro diffusi sul territorio, ricostruendo un quadro più ampio di conoscenza in grado di restituire alle comunità che li conservano i manufatti nella loro identità materiale e storica. Nel 2014 è stato emanato il bando Pittori e Scultori in Piemonte alla Metà del Settecento che, grazie alla pubblicazione del quaderno di studi coevi DI MODELLO, DI INTAGLIO E DI CESELLO, amplia l’ambito di intervento anche alla scultura. 

BEAUMONT E LA SCUOLA DEL DISEGNO, Pittori e scultori in Piemonte alla metà del Settecento, a cura di Giuseppe Dardanello, Cuneo, Nerosubianco Edizioni, 2011