PALIOTTI, Scagliole intarsiate nel Piemonte del Sei e Settecento

Condividi
Stampa
Invia

La pubblicazione raccoglie gli esiti di una ricerca promossa dalla Diocesi di Casale Monferrato e dall’Associazione Idea Valcerrina e coordinata dall’Università degli Studi di Torino, dalla Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici del Piemonte e dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Novara, Alessandria e Verbano-Cusio-Ossola.

Il tema è la storia della produzione degli altari in scagliola policroma e delle maestranze, per la maggior parte provenienti dalle valli del Canton Ticino, che tra XVII e XVIII secolo ne furono artefici; questi manufatti furono realizzati secondo una tecnica antica basata sull’uso di gesso steso su lastra di supporto, che trovò grande diffusione a partire dal Seicento in aree estese dell’Italia settentrionale. L’iniziativa è nata dalla disamina del censimento dei paliotti radunato grazie alla schedatura CEI in Piemonte e dalle ricerche già condotte sul territorio svizzero; il testo approfondisce l’analisi dei materiali di esecuzione, delle maestranze, dei modelli di riferimento e della diffusione del gusto decorativo tra Sei e Settecento. Il repertorio oltre a essere uno strumento di alto valore scientifico per gli studiosi illustra per tutti i lettori un patrimonio di altissima qualità presente in numerosi edifici del territorio piemontese che stupisce per raffinatezza decorativa. 

La ricerca è stata realizzata grazie al contributo della Compagnia di San Paolo e della Regione Piemonte.
 

PALIOTTI. Scagliole intarsiate nel Piemonte del Sei e Settecento, a cura di Giuseppe Dardanello, Torino, Editris 2000, 2012