Le case e le cose. la persecuzione degli ebrei torinesi nelle carte dell'EGELI 1938-1945

Condividi
Stampa
Invia

Il volume "Le case e le cose. La persecuzione degli ebrei torinesi nelle carte dell'EGELI 1938 - 1945" è il frutto di un accurato studio condotto da Fabio Levi sulle carte dell'Archivio Storico San Paolo relative alla gestione EGELI (Ente Gestione Liquidazione Immobiliare) per il Piemonte e la Liguria.

L'EGELI fu costituito, in seguito alla promulgazione delle leggi razziali del 1938, per acquisire, gestire e rivendere le proprietà immobiliari confiscate agli ebrei. L'analisi dell'applicazione della normativa persecutoria a Torino permette a Fabio Levi di formulare nuove ipotesi sullo Stato e la società italiana negli anni del Regime e nell'immediato dopoguerra.

Lo studio quantitativo effettuato da Daniela Adorni e Giuseppe Genovese mediante la creazione di una banca dati basata su diverse fonti d'archivio fornisce un quadro articolato della distribuzione delle proprietà e delle attività economiche del gruppo ebraico torinese.

Le case e le cose. La persecuzione degli ebrei torinesi nelle carte dell’EGELI 1938-1945, a cura di F. Levi, con saggi di F. LEVI, D. ADORNI, G. GENOVESE, Torino, 1998.