Interventi principali Torino Italia Mondo
Torino

Castello ducale di Agliè

Piazza Castello, 1, 10011 Agliè Torino
Condividi
Stampa
Invia

Il Castello ducale di Agliè è una elegante e imponente costruzione edificata in epoca medioevale dalla famiglia comitale dei San Martino, originaria del Canavese. Nel 1667 il conte Filippo di San Martino, già consigliere di Madama Reale Cristina di Francia, commissionò all’architetto di corte Amedeo di Castellamonte la prima di una lunga serie di trasformazioni. Nel 1764 i San Martino vendettero la proprietà ai Savoia che ne affidarono la riqualificazione all’architetto Ignazio Birago di Borgaro. Nel 1825 Carlo Felice di Savoia commissionò altri interventi che non compromisero comunque la forma settecentesca del luogo. Nel 1839 il parco venne sistemato in forme romantiche, pur mantenendo al suo interno edifici rurali settecenteschi. Al 1939 risale l’acquisto del castello da parte dello Stato, direttamente dalla Casa Reale, e agli anni ’80 data l’affidamento alla Soprintendenza ai Beni Architettonici del Piemonte, ed ora alla Direzione Regionale. Nella Residenza vi sono appartamenti aulici, caratterizzati da una straordinaria ricchezza decorativa: legni dorati e intarsiati, stucchi, affreschi, tempere, decorazioni, boiserie, pavimenti.

È dalla metà degli anni Novanta del secolo scorso che è in atto un programma di riqualificazione dell’intero complesso monumentale, prima sotto forma di piccole manutenzioni e della realizzazione di lotti disomogenei, poi dal 2006 – grazie anche all’importante sostegno della Compagnia - tramite il restauro conservativo e l’esecuzione degli impianti delle stanze del piano nobile del castello, dell’area dell’antica amministrazione (VI livello) e l’ampliamento della scalinata di fronte all’ingresso.

L’intervento è stato inserito nel 2004 tra le iniziative a cui afferisce il Protocollo d’Intesa che ha permesso alla Compagnia di aderire dal 2002 all’Accordo Quadro in materia di Beni Culturali sottoscritto tra il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la Regione Piemonte, essendo afferente ad un più complesso programma di riqualificazione e valorizzazione del percorso delle Residenze sabaude, che rappresenta uno dei maggiori attrattori in Piemonte per un pubblico internazionale anche non specializzato.

La Compagnia di San Paolo è intervenuta a favore del Castello sin dal 2002, destinando circa € 2,7 milioni al suo recupero e alla sua valorizzazione, avvenuta grazie alle visite guidate dell’Associazione Volarte, che ne hanno resa possibile la fruizione continuativa.

L’intervento è stato inserito all’interno del Programma Barocco sviluppato dalla Fondazione 1563 della Compagnia di San Paolo. Il Programma promuove gli studi sul patrimonio letterario, musicale, teatrale, artistico e architettonico, storico-politico e del pensiero dell’età barocca nel XVII e XVIII secolo allo scopo di valorizzare l’identità barocca piemontese.

fondazione_black
Area operativa: Arte, attività e beni culturali

Contributo erogato:

2.700.000 euro

Interventi principali Torino Italia Mondo
Filtra per area: