GiovedìScienza 2018-2019

15/11/2018
Condividi
Stampa
Invia
GiovedìScienza 2018-2019

Giovedì 15 novembre 2018 una conferenza “collettiva” dedicata ai vaccini apre la 33a edizione di GiovedìScienza che si conclude a marzo 2019.

GiovedìScienza, iniziativa sostenuta dalla Compagnia di San Paolo nell'ambito del Sistema Scienza Piemonte, nata nel 1987 per rispondere agli interrogativi dei cittadini su scienza e società, giunge alla trentatreesima edizione e riflette l’emergere dell’attualità: la medicina rigenerativa e preventiva (vaccini), l’informazione scientifica nell’era di Internet, lo spazio nel cinquantennale dello sbarco sulla Luna, l’applicazione della genetica allo studio delle origini dell’uomo e al superamento dell’erroneo concetto di razza ancora vivo a livello sociale e politico.

L'edizione 2018-2019 inaugura il 15 novembre alle 17.45 (Teatro Colosseo, Via Madama Cristina 71 Torino) con un tema particolarmente complesso: i vaccini. A parlarne un immunologo Alberto Mantovani (Humanitas University), un epidemiologo Paolo Vineis (Imperial College Londra e IIGM italian Institute for Genomic Medicine) e un pediatra Gianni Bona (Accademia di Medicina di Torino) che prima tracceranno un quadro di riferimento scientifica e poi saranno a completa disposizione del pubblico. 

Gli appuntamenti con la scienza proseguiranno fino a marzo ospitati nella sede storica del teatro Colosseo, nell’Aula magna della Cavallerizza Reale dell’Università di Torino, nell’Aula magna “Giovanni Agnelli” del Politecnico di Torino e nell’Auditorium della Città metropolitana di Torino (l'ingresso è gratuito a tutti a tutti gli appuntamenti).

L’attenzione verso il mondo della scuola rimane per GiovedìScienza un elemento fondamentale. Oltre alle conferenze dedicate, l’attivazione di due diversi percorsi formativi di Alternanza Scuola Lavoro per i “giovani ancora più giovani” dei ricercatori, a cui il Premio GiovedìScienza è rivolto, riflette la consapevolezza che la passione per la scienza e l’esplorazione di nuove strade per raccontarla, nascono già fra i banchi di scuola.

Giunge all'ottava edizione il Premio GiovedìScienza, riconoscimento per la divulgazione scientifica rivolto ai ricercatori under 35. Una call per i ricercatori di tutta Italia, con un occhio all’opportunità di fare impresa – con il Premio Futuro – e il Premio speciale “Elena Benaduce”, per ricerche dedicate alla persona e alla qualità della vita. Confermato anche per questa edizione il Premio GiovedìScienza IT4.0, finalizzato a sostenere attivamente la cultura dell’innovazione e dell’industria 4.0 e dedicato ai progetti sviluppati in questo ambito di ricerca.

Novità di quest'anno è la traduzione di alcune conferenze in Lingua dei Segni Italiana (LIS), un ulteriore passo in avanti verso un futuro dove nessuno deve sentirsi ostacolato nel proprio percorso verso l'informazione scientifica e il dibattito che inevitabilmente accompagna i risultati della ricerca.

www.giovediscienza.it